Blog Telefilm Italia

Il caso Natalie Wood

Robert Wagner e la bellissima NAtalie

Robert Wagner e la bellissima Natalie

Sono terrorizzata dall’acqua: darkwater seawater

Il video relativo all’articolo dell’Independent si apre cosi parlando della morte di Natalie Wood avvenuta nel 1981 vicino all’isola di Santa Catalina, un caso riaperto nel 2011 dopo il riesame delle molte escoriazioni trovate sul corpo, era affogata proprio vuicino all’isola 1km dallo yatch sul quale c’erano il marito Robert Wagner, Chirstopher Walker e il capitano Dennis Davern. E sarebbero proprio le dichiarazioni di quest’ultimo su un libro dedicato alla vicenda a puntare il dito decisamente contro Robert Wagner.

 

 

Un caso che mi ha incuriosito da sempre appassionato di vicende poliziesche, ma come sono andati (o sarebbero andati) i fatti quella notte, difficile dirlo con esattezza in quanto è  difficile saper distinguere tra la menzogna e la realtà in casi come questo, ma ci si prova.

Secondo la ricostruzione dell’epoca chiusa al tempo come affogamento accidentale Walken, Wagner e la bellissima  Natalie Wood erano in coperta a bere del whisky, Natalie sarebbe poi andata a letto mentre gli altri erano ancora a parlare e a sorseggiare un altro sorso di whisky, i tre avevano appena cenato sull’isola di Santa Catalina (Los Angeles) nella zona in cui si trovava lo Yatch. I tre avevano avuto a battiberccarsi in quanto Walken aveva appena lavorato con la moglie di Wagner e quest’ultima le aveva rivolto delle particolari attenzioni(o forse c’era stato di più), per inciso Wagner e la Wood si erano sposati nel 62 e divorziati poi si erano risposati nel 72. wagner e Walken erabno quindi in cabina quando sembra che il gommone che era ancorato alla barca stesse sbattendo continuamente su quest’ultima impedendo alla Wood di dormire, sarebbe quindi scesa dalla cabina per ancorarlo bene e sarebbe scivolata in mare.

Questa almeno sarebbe la prima versione ufficiale, senonchè su questa interviene molti anni dopo il capitano Davern e supportato anche dalla sorella della Wood(Lana Wood altra famosa attrice) avrebbe dapprima detto di aver supportato la versione dei due attori per diversi motivi  e poi preso dal rimorso avrebbe confessato che aveva avuto l’impressione che la versione di Wagner era non vera. Qual’è la verità? secondo me la verità sta nel mezzo ma vediamo perchè:

  • Poco prima che Natalie scomparisse lei e Wagner avrebbero avuto un acceso litigio nel quale si sarebbero gettati anche della roba addosso, Davern aveva sentito distintamente dire da Wagner “Esci da questo cazzo di barca”, Robert Wagner non  ha smentito questo fatto in realtà anche se lo ha minimizzato(c’era la tresca con Walken)
  • Preoccupato dall’insorgere della discussione Davern si era precipitato da loro notando Wagner trafelato e nervoso e anche tutto spettinato, alla domanda dov’è Nataie avrebbe risposto: se ne è andata
  • I soccorsi erano stati dati con assoluta intempestività, 3 ore dopo; bè in realtà sembra che Wagner dopo la lite avesse ritenuto proprio che Natalie fosse andata a largo a schiarirsi le idee per ritornare successivamente
  • A Davern era stato offerto, se avesse abbuiato la cosa, un lavoro nella serie in cui stava girando Wagner “Hart to Hart”, Wagner era preoccupato della cattiva ripercussione che avrebbe avuto sulla sua carriera tutta la vicenda

Il punto debpole della versione del marito era che Natalie Wood era realmente terrorizzata dall’acqua però pensandoci bene lo Yatch si trovava a malapena a 1 km dall’Isola e quindi se avesse navigato bene col gommone non ci sarebbero stati dei grossi problemi se era esperta del gommone stesso.

Sembra comunque che Natalie avesse delle escoriazioni(molte) sul corpo di cui non si capisce l’origine ma a quanto dice Wagner se le sarebbe procurate scivolando e battendo la testa nel tentativo di ancorare il gommone.

Eloquente quanto dice lo sceriffo della Contea: “Al momento non siamo in grado di decidere se si è trattato di un omicidio, ma non abbiamo provato che sia stato un incidente”

 

 

CondividiTweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0

Leave a Comment